LOGO DELLA CONFRATERNITA COLORATO.jpg

La tipicità di questo insaccato, viene oggi ripreso dalla Confraternita, viene da una tradizione secolare che Don Domenico Chendi ci tramanda attraverso il suo libro L’AGRICOLTORE FERRARESE IN DODICI MESI pubblicato nel 1761.

Parroco di Tresigallo, egli descrive i modi di operare e le consuetudini dei contadini di quei territori nell’arco dell’annata. A dicembre illustra la “DOMESTICA BECCARIA” dove indica il modo di fare salami tra cui il “SALAME DA SUCCO”

Don Domenico Vincenzo Chendi (1710-1795)

nato a Formignana, è stato parroco di Tresigallo dal 1743 fino al suo decesso, è ricordato come autore di

L’AGRICOLTOR FERRARESE

in dodici mesi secondo l’anno diviso a comodo di chi esercita”

 

All’età di cinque anni sapeva già leggere, ma aveva un carattere irrequieto tanto da meritarsi correzioni e castighi sia dai genitori che dal cappellano della parrocchia presso la quale fu mandato a scuola.

A dieci anni un nuovo istruttore lo condusse da Formignana a Villanova di Denore, ma la severità di costui lo costrinse a scappare a casa dei genitori dove però il padre lo percosse violentemente.

A diciotto anni andò presso la scuola dei Padri Gesuiti dove vestì gli abiti talari ed intraprese gli studi di Filosofia, botanica e medicina presso la locale Università.

Seguirono ancora anni movimentati nelle abitudini e costumi fino a  quando concluse gli studi e celebrò la sua prima messa nel 1734 a Formignana.

Fu cappellano a Canaro, poi a Tresigallo e a Formignana e un periodo a Roma.

Tornato a Tresigallo nel 1743 divenne parroco e rimase per cinquanta anni fino alla sua morte.

mostra di Bruciaferri.jpg

la Confraternita, si propone al territorio con iniziative enogastronomiche e culturali

Don Domenico Vincenzo Chendi 1710 - 1795.jpg

Dosa per fare buoni “Salami da succo”

  • Carne di porco ben grassa de cascami

  • Cotiche libre 4 per peso di carne

  • Fegato ben pesto 1 libra gagliarda

  • Pepe franto un’unzia

  • Sale secco 10 unzie per peso di carne

  • Brocche di garofalo pesto in polvere un ottavo d’unzia

  • Noce moscata la metà di una

  • Cannella in polvere un ottavo d’unzia

  • Vino rosso 4 bicchieri per peso di carne

  • Budella, gessi di pavone o vesciche di porco